Milka

Le Prime, le MK1, quelle con cui è iniziata tutta la nostra passione!

Milka

Messaggioda HoSDo » 28/10/2008, 21:15

Beh, che dire... Visto che qualcuno mi ha invitato a fare parte di questo garage (spero di non grattare anche qui per entrare), allora ok buttiamoci!

Tutto inizia per caso dopo aver sbattuto la prima Punto, la mia mitica 55 Sx Verde ramarro morto... Per non destare preoccupazioni a casa avevo deciso di prendere una tranquilla Sporting per avere almeno un po' di prestazione in più (e l'ABS, che poi manco c'era) e imparare a prendere mano con le macchine "sportive"... poi flash... una malattia irrefrenabile mi ha preso! E ora è quel che è..

Si ma.. "Cos'è???" voi direte... Beh eccovi la piccola descrizione!!!

Estetica:

Immagine Immagine
- Do the evolution...

Lo stile è nato così un po a caso ma pian piano è andato consolidandosi verso il JDM... Per quanto i componenti principali siano tipicamente italiani come paraurti posteriore, minigonne e cofano cadamuro, la differenza la fa il vistoso paraurti anteriore LineXtraS tipo "Skyline" molto commerciali ma sicuramente d'impatto. Inoltre tale para bene si presta agli usi racing dell'auto.. infatti più avanti vedremo che ogni componente tecnico ha trovato la sua presa aria... :rock:

Per quanto riguarda il resto della carrozzeria, non ci sono grandi lavori se non il portellone posteriore lisciato perchè rende molto di più e l'immancabile alettoncino Carcept che fa figo (per quanto sia inutile). Ovviamente niente resinature, stuccature o altre cazzataggine varie... In pista non reggerebbero! Le minigonne sono fissate con il sigillante per i vetri ad esempio e per evitare di macellarle di continuo nelle buche o su cordoli o aggiunto dei paracolpi in alluminio (che sono durati integri circa una settimana...).

La tinta è nata per caso ovvero in colorificio io ero arrivato con una idea e loro mi hanno proposto una tinta che nessuno aveva mai acquistato in tutta la provincia... Ora l'originale livrea milka si è concessa una piccola soluzione bicolor della parte bassa in color antracite che richiama i cerchi e che soprattutto fa da maschera-grattate permettendomi di riverniciare rapidamente i componenti danneggiati!!

Immagine
- Para anteriore

Immagine
- Le mitiche protezioni appena puntate... ancora non sapevano che lavoro avrebbero dovuto svolgere...


Immagine
- Vista posteriore

Un discussissimo dettaglio: gli specchi tamarri. Ok vero, non sono un gran chè... ma sono gli unici con cui riesco a vedere fuori qualcosa! E in più ora come ora ho levato le frecce e omologato quelle negli specchi quindi così è e così resta!

Immagine
- Gli specchi appena montati

I cerchi sono dei Koenig Holes da 15"; per quanto ci sia un cristo ad Udine che è riuscito a prenderli una settimana dopo di me, sono dei cerchi abbastanza unici da vedere in giro. Canale lucido e interno antracite, tipicamente Japan con razze grandi e funzionlità racing (pesano come dei Superleggera), hanno un normalissimo ET 37 pur dando un aspetto quasi da canale rovesciato.

Immagine
- I cerchi

Un'ultimo particolare che è più una sfida personale: le pinze in tinta auto con tanto di trasparente perlato. Ancora ad oggi, dopo delle belle scaldate, reggono ancora il loro caratteristico riflesso...
Immagine
- Le pinze posteriori

Meccanica
Motore:

Andiamo subito al sodo; la scelta sulla meccanica è stata una lenta ricerca durata più di 2 anni. L'obbiettivo era quello di avere una preparazione che non fosse la solita minestra vista e rivista; inoltre volevo che fosse turbo piuttosto che una ingestibilissima preparazione aspirata spinta. Già molto tempo fa mi era caduto l'occhio sull'articolo dell'Italtecnica su Elaborare che parlava del kit Rotrex e sognavo come avrebbe potuto diventare il mio caro 1.2 Fire; ed in effetti dopo vari progetti affrontati e abbandonati sono andato proprio all'Italtecnica a bussare al portone e la loro proposta è stata la più accattivante!

Immagine
- Vista del cofano

In pratica la preparazione in se per se è abbastanza semplice: si è proceduto a trapiantare l'originario Fire 1.2 16v con un più performante motore Fire 1.4 16v di provenienza Fiat Idea (ma che comunque è sempre quello che montava la Punto Mk2b) con in aggiunta l'adozione di un kit di sovralimentazione Rotrex.
Del Rotrex se ne è già parlato e riparlato 1000 volte perchè l'esperienza interna al PRC ha mostrato già in diverse applicazioni quanto sia valida questa preparazione; eviterò di dilungarmi nelle sua descrizione quindi!Diciamo che a fronte di un costo che può sembrare un po' elevato (un turbo-compressore nuovo non costa di sicuro poco) rispetto quanto uno si ritrovi nella scatola, che comunque è un kit completo Plug & Play, gli aspetti positivi sono sostanzialmente quelli di avere un turbo che non soffre il turbo-lag e che non soffre problemi di shock termico tipico dell'uso stradale di un'auto con motore turbo preparato.
Punto forte sicuramente anche il fatto che il motore non ha necessità di altre particolari preparazioni poichè la sovralimentazione è a bassa pressione; inoltre la mia centralina originale è stata totalmente rimappata per poter gestire le nuove caratteristiche di alimentazione e gli iniettori sono stati maggiorati.

Immagine
- Particolare del compressore con in vista raccorderia per l'olio e filtro

In più per rendere più performante il tutto dopo alcune situazioni riscontrate dall'uso pista e stradale estivo ho proceduto a migliorare un po' le capacità di smaltimento del calore.
In primo luogo, molto importante, ho aggiunto lo scambiatore di calore per l'olio motore che Italtecnica aveva valuta come "accessorio" in caso avessi riscontrato gravi problemi di temperatura (il chè si è verificato, avendo riscontrato l'olio cotto in 3 mesi di utilizzo...). Il radiatorino non è altro che quello della Punto GT, con adattato una nuova raccorderia recuperabile su consiglio dell'importatore italiano di Mocal (che tra l'altro ha lodato la mia scelta visto che il radiatore della GT è di ottima fattura sia in versione IRIA made in Italy che in versione di costruzione tedesca).

Immagine
- Radiatorino in fase di preparazione

Immagine
- Il radiatore così come è stato montato

Non meno importante è l'inserimento dei sensori di lettura del comportamento dell'olio (temperatura e pressione); le mitiche ciabatte universali tipo Lampa non facevano al caso mio visto l'angusto spazio nell'area riservata al filtro! Ho dovuto quindi ordinare una serie di "T" sempre della Speedflow da accoppiare alla piastra Mocal per poter mettere li le varie sonde! Piccolo consiglio: non fate come me che ho ordinato un "T" in meno e per non spendere altri 35 euro ne ho messo uno industriale tra l'altro meccanico e non Gas... non era conico è ho dovuto rismontarlo e inventarmi qualcosa per fargli la tenuta ovvero la buona e vecchia canapa imbevuta nel sigillante Loctite per impianti olio idraulico!

Immagine
- La piastra in fase di preparazione

Immagine
- Una foto ormai famosa: la piastra da installata...

L'impianto acqua anch'esso aveva accusato qualche lacuna al primo turno in pista con la lancetta acqua impazzita oltre 100 gradi e quindi ho provveduto a sostituire il radiatore dimensionato per la Sporting 1.2 con quello della GT che a parità di volume (minima la differenza in più) presenta i raccordi acqua IN e OUT leggermente più grandi in diametro nonchè una ventola con maggiore capacità di raffreddamento e oltretutto anche la funzionalità della doppia velocità della ventola (che in teoria non dovrebbe mai essere necessaria ma visto che ci siamo mettiamola). L'impianto acqua è stato di conseguenza adattato alla nuove necessità visto anche il fatto di aver dovuto aggiungere la vaschetta acqua della GT con raccorderia separata.

Immagine
- Vista laterale del radiatore

L'occasione è stata buona per considerare l'installazione di un nuovo Intercooler di costruzione Behr per applicazione Mercedes. Per quanto sembri immenso, in realtà rispecchia lo stesso volume di quello originale non stravolgendo i dimensionamenti di Italtecnica ma solo portandolo in posizione frontale; in questo modo spero di abbassare un po' la temperatura dell'aria in pressione che, termometro alla mano, saliva a quasi 80 gradi sui manicotti di mandata al minimo... Gran lavoro di staffe e manicotti, è stata buona l'occasione di muovere il radiatore acqua così da rimontarlo in una posizione tale da crare un passaggio per i manicotti in inox.

Immagine
- Intercooler Hella in posizione frontale

Per l'aspirazione ho provveduto a rimuovere la cassetta originale sempre alla ricerca di maggiore "respiro" del cofano e quindi più aria fresca in circolo; ora vorrei sperimentare una presa d'aria dinamica con DIA come filtro per cercare di recuperare un po' di ossigeno in più col concetto dell'airbox in pressione. In linea di massima non dovrebbe servire molto in un motore con sovralimentazione tramite compressore, anche se però io resto convinto che vi possa essere una sorta di turbo-lag durante una apertura di gas rapida dovuta allo "svuotamento" del condotto di aspirazione. Tutte speculazioni tecniche che però sono belle da affrontare e analizzare.

Immagine
- Cofano dall'alto con in vista DIA e manicotti di aspirazione

Per quanto riguarda lo scarico non ci sono grosse particolarità; l'impianto è completamente in inox dai collettori fino al terminale, naturalmente Supersprint. Sui collettori ho provato un isolamento con un materassino in materiale termoisolante che proviene dal settore industriale/grandi motori. Per ora sono senza catalizzatore, ma mi sto informando su cosa mi convenga adottare tra le soluzioni proposte dalla Brain. Il terminale mantiene per ora valida la sua dote di silenziatore contenendo un po' il rumore

Immagine
- Il collettore di scarico rivestito con il materassino isolante



Un'altro bell'intervento (Powered by "Braccio Docet") è stata l'installazione del cambio a 6 marce di provenienza Punto Mk2 Sporting; per quanto il cambio abbia gli stessi identici rapporto del 5 marce fino alla 4^, la 5^ è più divertente per avere ancora un po' di spinta e la 6^ non è propriamente da riposo ma va bene così. Unica pecca, la necessità di montare i distanziali da 25 per evitare di toccare nella campana del cambio visto che nelle Punto con il 6 marcie viene rivisto l'angolo di sterzata direttamente da mamma FIAT.

Immagine
- Particolare del Cambio appena installato

La frizione per ora è in rame con parastrappi e con lo spignidisco rinforzato. Sto però valutando un po' di progetti per adattare una frizione maggiorata, probabilmente anche quella della HGT da 200 mm. Più avanti si saprà...

Assetto e freni:

L'assetto è passato da varie evoluzioni ma diciamo che il suo top l'ho raggiunto ora con l'installazione di un kit artigianale by ESSEPI Assetti di Pianzano preparatore di auto importanti. L'anteriore è regolabile in altezza e in durezza mentre il posteriore presenta solo ammortizzatori maggiorati e con taratura più sportiva; naturalmente si tratta di ammortizzatori a stelo accorciato per ovvi motivi.
Ho per ora scelto di evitare le barre anti-rollio troppo dure per mantenere ancora delle caratteristiche più stradali evitando la tipica "saponetta" sul bagnato.
La barra duomi, che sta li più per estetica che per necessità, è della SPARCO; sto valutando ancora se prendere o meno la barra di rinforzo inferiore che potrebbe diventare problematica con ganci di cancelli e cose simili.

I distanziali sono arrivati più che altro per risolvere il problema di contatto del cerchio contro la campana del cambio; sono da 25 mm in misura uguale tra anteriore e posteriore. La gommatura è una naturalissima 195/45 R15 con alternativa per le 195/45 R16; come misura di cerchio stiamo tranquillamente dentro alle necessità di scarico della potenza a terra.

Anche per l'impianto frenante ho attinto alla sorella maggiore Punto GT acquisendo tutto il sistema completo anteriore e posteriore. Come produttore ho scelto Roesch sotto proposta del mio meccanico e sinceramente mi ci sono trovato più che bene; dischi baffati e forati e pastiglie a base kevlar con mescola al carbonio. I tubi freno sono quelli rinforzati in treccia metallica.

Immagine
- Mozzo anteriore con i nuovi componenti frenanti installati


Interni

Gli interni sono un po' un misto. Troverete poche foto perchè ancora non sono finiti.
In generale la linea di impostazione finale è quella di una auto JDM: tecnica e tuning si trovano mescolati. Visto l'interesse a circolare in pista, ho cercato di migliorare la protezione inserendo un Rollbar della SASSA (produttore italiano che fabbrica rollbar per varie aziende).

Immagine
- Vista del rolbar

Sedili e cinture originali sono stati sostituiti da componentistica SPARCO: i sedili sono del tipo EVO 2 (Tokyo Drift insegna, così non possono dirmi che non sono JDM) mentre le cinture sono a 3 punti con attacco stradale.

Immagine
- Sedili e cinture durante una prova di allineamento

Per quello che riguarda gli altri dettagli, il volante e la leva del freno a mano sono della Luisi, storico produttore di articoli ai tempi delle Abarth. Il pomello per ora è un Momo, ma a breve potrebbe essere sostituito da uno SPARCO con caratteristiche più racing per maggiore comodità. Le plastiche del cruscotto sono rimaste al loro posto; sono state riverniciate di una tinta più scura per richiamare cerchi e bicolor esterno della carrozzeria.

Immagine
- Vista degli interni in lavorazione
Ultima modifica di HoSDo il 03/01/2009, 20:28, modificato 22 volte in totale.
Milka(R)

When You shift the gear and the needle on the tacho goes on red and scores 9000 rpm, that's bad...!
Un solo controllo di trazione: il Piede Destro
Le gomme sono il mio pennello, l'asfalto la mia tela
Avatar utente
HoSDo
Pilota F1
 
Messaggi: 1018
Iscritto il: 20/01/2008, 21:12
Località: Udine
Modello: Punto 176 1.4 Rotrex

Re: Milka

Messaggioda dennis » 28/10/2008, 21:27

Ciao HoSDo, gran bel mezzo! non mi piacciono granchè gli specchi ma va a gusti!
"Doc, devi prendere più rincorsa, non abbiamo abbastanza strada per arrivare ad 88!"
"Strade? Dove stiamo andando non c'è bisogno di strade!"
Avatar utente
dennis
Pilota W.R.C.
 
Messaggi: 2592
Iscritto il: 21/07/2008, 21:21
Modello: Sporting 1.4 16v

Re: Milka

Messaggioda azzo » 28/10/2008, 21:59

Ehehehe la milka!
Io la spoglierei di tutto ma si sa che seguiamo stili diversi.
L'attendo con ansia in strada :ok!: :ok!: :ok!:
...Col peperoncino e un po' d' insaléta ti protegge la Madonna dell 'Incoronéta; con l'olio, il sale, e l'aceto ti protegge la Madonna dello Sterpeto; corrrrrno di bue, latte screméto, proteggi questa Punto dall' innominéto.®
Avatar utente
azzo
Pilota W.R.C.
 
Messaggi: 1559
Iscritto il: 20/01/2008, 21:12
Località: Seriate (BG)

Re: Milka

Messaggioda HoSDo » 28/10/2008, 22:00

raga ho solo finito l'estetica, fatemi finire il resto... :cincin:
Milka(R)

When You shift the gear and the needle on the tacho goes on red and scores 9000 rpm, that's bad...!
Un solo controllo di trazione: il Piede Destro
Le gomme sono il mio pennello, l'asfalto la mia tela
Avatar utente
HoSDo
Pilota F1
 
Messaggi: 1018
Iscritto il: 20/01/2008, 21:12
Località: Udine
Modello: Punto 176 1.4 Rotrex

Re: Milka

Messaggioda Luppix » 28/10/2008, 22:27

HoSDo ha scritto:raga ho solo finito l'estetica, fatemi finire il resto... :cincin:

xkè ke c'è oltre all'estetica??
hai aggiunto il filtro a cono Tuning Guru rigorosamente sui collettori??
troppo tamarro!!!! :D :D :D :D :D :D :D

cmq dai sai come la penso....
bella ma un pò troppo particolare x i miei gusti...
la meccanica invece.... :primo:
azzo ha scritto:No camporella?! Aih aih aih aih aih

LUPPIXMOBILE IDM *****chi l'hà vista?*****
TIME ATTACK
Adria 1'52"67
Varano 1'38"42
Franciacorta prima o poi
Avatar utente
Luppix
Pilota W.R.C.
 
Messaggi: 4787
Iscritto il: 20/01/2008, 21:12
Località: San Pietro Polesine (prov.RO)
Modello: Punto Mk2 IDM

Re: Milka

Messaggioda defa10 » 29/10/2008, 8:53

Ma che è sta merda??? E tu la chiami macchina??? Dove sono i castori che sbattono la cioccolata per farla uscire con le bolle??? :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

Hosdo, lo sai che scherzo e che hai tutto la mia stima per questo gioiello... :inchino: :inchino: :inchino: :inchino:
e poi quando gli dai gas........ :schiumante: :schiumante: :schiumante:
Avatar utente
defa10
Pilota F1
 
Messaggi: 872
Iscritto il: 16/07/2008, 17:59
Località: In giro per l'Italia...

Re: Milka

Messaggioda Ospite » 29/10/2008, 9:45

Eccola finalemnte la famosissima Milka...Spero k tu metta a breve le specifike di motore e mekkanika...ihihihih...li sono circa un 2 pagine piene...Cmq gran bel mezzo...Complimenti Lorenzo
Ospite
 

Re: Milka

Messaggioda Eros » 30/10/2008, 1:27

Bella la Milka!

Pure io sono curioso si sapere il resto! :D
Pimpi GT

Piccola... Ma con un'alto potenziale di aggressività!
Eros
Pilota W.R.C.
 
Messaggi: 1524
Iscritto il: 26/05/2008, 14:05

Re: Milka

Messaggioda HoSDo » 01/11/2008, 23:55

Ok un po di update ci sono...
Milka(R)

When You shift the gear and the needle on the tacho goes on red and scores 9000 rpm, that's bad...!
Un solo controllo di trazione: il Piede Destro
Le gomme sono il mio pennello, l'asfalto la mia tela
Avatar utente
HoSDo
Pilota F1
 
Messaggi: 1018
Iscritto il: 20/01/2008, 21:12
Località: Udine
Modello: Punto 176 1.4 Rotrex

Re: Milka

Messaggioda ale.hgt » 02/11/2008, 2:00

scusa ma che cambio monti?
frizione?
freni?
sedili?
cinture?
volante?
pedaliera?
leva cambio?
freno a mano?
strumentazione supplementare?
assetto?
varie ed eventuali?

e poi cos'è quel cigolio? :dot: senza quel cigolio milka nn sarebbe arrivata a ciò :D :D :D :D
Puntone....
ale.hgt
Pilota W.R.C.
 
Messaggi: 1866
Iscritto il: 20/01/2008, 21:11

Prossimo

Torna a Prima Serie

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti